Consigli di Make Up – Diego Dalla Palma


Qualche tempo fa ho preso in biblioteca il libro “Questione di Trucco” di Diego Dalla Palma. L’ho letto tutto d’un fiato e mi sono appuntata delle curiosità e alcuni trucchetti che possono tornare utili.

Ho deciso quindi di condividerli con voi.

Occhiaie:

Accorgimenti per nasconderle: truccare molto gli occhi, contornandoli con del nero e sfumando il colore sotto e sopra. Secondo una precisa regola, legata all’illusione ottica, si distoglie, così facendo, l’attenzione dall’occhiaia. Inoltre per non aumentare l’ombra delle stesse è sconsigliabile applicare il mascara sulla frangia delle ciglia inferiori.

Eyeliner:

Generalmente è sconsigliabile l’uso dell’eye-liner a coloro che hanno l’arcata sopracciliare cadente sulla palpebra superiore.

Blush:

I blush madreperlati possono essere utilizzati da tutti coloro che hanno un viso magro, con evidenti sporgenze zigomali e una costruzione facciale impostata su volumi concavi, mentre quelli opachi sono indicati per tutti, ma soprattutto coloro che hanno guance paffute e zone facciali caratterizzate da volumi convessi.

Fondotinta:

Un sistema per scegliere la giusta gradazione cromatica consiste nello stringere il pugno e controllare il tono più chiaro che apparirà sulla zona opposta al pollice (l’interno del mignolo, per intenderci): sarà quella la tonalità indicata.

Rossetti:

Terminato il rossetto, non buttate lo stick che lo contiene. Quando ne avrete una certa quantità, anche se di colori diversi, togliete ogni residuo dai fondi dei contenitori, pulite perfettamente uno di questi con acqua e sapone e ponete tutta la pasta, ricavata dai vari avanzi, in una ciotola di vetro con un beccuccio. In una normale pentola fate scaldare dell’acqua e prima che essa sia in ebollizione immergetevi la ciotola, mescolando continuamente con un cucchiaino. Quando l’impasto sarà semifluido e omogeneo versatelo con cura  e attenzione nel contenitore di plastica o di metallo. Avrete, con questo sistema, un rossetto nuovo e assolutamente esclusivo.

Ombretti:

Occhi castano-verdi: truccati di viola diventano più verdi, di nero e argento diventano scurissimi e si annulla così la componente di giallo.

Occhi grigi-azzurri: valorizzati dagli ombretti rame e bronzo e aumentano la loro componnte blu se truccati di verde, con colori molto cupi diventano grigio ghiaccio.

Occhi verdi-grigio verde: diventano di un verde più accentuato grazie a ombretti dorati, aranciati e ambrati.

Occhi neri: diventano nerissimi se truccati nei toni chiari e contornati con una matita nera, da applicare anche all’interno sulla linea della palpebra inferiore.

Kajal:

Il kajal è una pasta cosmetica grassa, a base animale o vegetale, con l’aggiunta di pigmenti vegetali e minerali, che messa all’interno dell’occhio, sulla rima palpebrale, fa sì che lo sguardo sia più incisivo e misterioso.

Kohl:

Il kohl dà lo stesso effetto, ma è un cosmetico in polvere composto da pigmenti vegetali puri in dispersione con polvere di caolino o talco.

Protezione: Il trucco è veramente un eccellente protettore e isolante della pelle ed è estremamente vantaggioso soprattutto per coloro che soffrono di couperose. Dopo avere usato una base idratante e nutriente alla camomilla, alla malva o all’hamamelis truccate la pelle del viso come e quando volete, senza preoccupazione di sorta.

Ecco queste sono alcune cose che mi hanno colpito e di cui non ero a conoscenza. Spero vi tornino utili!

c.

Annunci

6 Comments

  1. Non conoscevo questo libro! Ottimi consigli davvero.. una cosa che proprio non sapevo era quella riguardante i blush ^^ Utilissimo anche il consiglio sui rossetti!

    Mi piace

  2. Mi piace molto l’idea di questo post, è originale!
    Sarei molto curiosa di provare a sciogliere i rossetti ma ho talmente tanti trucchi che non ne finisco mai neanche uno 😀
    Anche io stavo leggendo un libro con consigli di trucco. Consigliava di provare il fondotinta direttamente sul viso o sul collo, perché spesso le mani sono un colore diverso dal viso, e ricordava di stenderlo sia sul viso che sul collo per uniformare il colore. Mi aveva colpito questo consiglio, anche se uso raramente il fondotinta. Mi sa che ogni makeup artist ha le sue tecniche 🙂

    Mi piace

    1. no beh anche sul libro che ho detto io c’era scritto, solo che è raro che sia in giro senza fondotinta quando giro per negozi, quindi quella della mano mi sembra un’alternativa utile.. cmq attenta, dice di stringere la mano a pugno, così il colore diventa più chiaro 😀

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.