Gioielli Maison 203 – Artigianato Digitale


Ciao ragazze! Durante un giro al Fuorisalone qualche giorno fa, in occasione della settimana del design milanese, la cosa che più mi ha colpita è stato lo spopolare delle stampanti 3D. Io, però, le avevo sempre pensate in una logica di progettazione e prototipazione rapida, ma ho scoperto che c’è ben di più, le possibilità che offrono sono davvero infinite.

IMG_4499 copy

Come può quindi la tecnologia delle stampanti 3D attirare l’attenzione di una beauty blogger?

All’interno del Superstudio Più, spazio veramente enorme, con una miriade di esposizioni è bastato un piccolo banchetto, quello di Maison 203: gioielli stampati in 3D.

IMG_4501 copy

La stampante 3D è il vero anello di congiunzione di un mondo così virtuale come quello dei modelli 3D che diventa una nuova forma di artigianato: l’artigianato digitale.

IMG_4502 copy

Cristalli stilizzati leggeri eppure resistentissimi, gruppi di foglioline che creano collane e anelli, geometrie tribali che ricordano l’artigianato etnico.

IMG_4504 copy

IMG_4506 copy

IMG_4508 copy

A partire da un unico filo di materiale plastico (tra cui il PLA, una bioplastica derivata dall’amido di mais – 100% eco-friendly) nascono infinite forme plasmate da designer e poi dipinte a mano che diventano collane, orecchini, bracciali, spille, anelli.

IMG_4500 copy

E tutto ciò prodotto da un’azienda italiana, di Treviso e con una stampante brianzola (Sharebot). E uno pensa di dover andare chissà dove per scoprire cose nuove, quando l’innovazione ce l’abbiamo proprio sotto il naso.

c.

IMG_4507 copy

IMG_4503 copy

5 Comments

  1. :O meraviglia! mi piacciono moltissimo, anche se non sono tipo da gioielli o accessori, mi piace vederli e vederli indossati, se poi sono frutto di una lavorazione particolare, acquistano un valore aggiunto che li rende irresistibii

    Mi piace

  2. Mi piace molto il girocollo arancione e quei fiori rossi! Davvero originali, ma chissà quanto se li fan pagare a fronte di un costo di produzione direi piuttosto basso, perché per uno in grado di usare un programma di cad non credo sia così complesso disegnare queste forme, ma ovviamente dovranno ammortizzare il costo della stampante…

    Mi piace

    1. i prezzi erano dai 20€ per spille e ciondoli fino ad arrivare anche ai 70-80.. (ovviamente la collana che piaceva a me, quella nera tipo a cristalli, costava sui 70 xD)

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.