Review Lima Lucidante per Unghie

Ecco la review di un altro tipo di lima, quella lucidante.

Questa lima permette di avere delle unghie lucidissime, così lucide che sembrerà quasi di indossare uno smalto trasparente.

Ce ne sono diverse in commercio, io personalmente ho provato quella della Kiko, la Shiny Nails.
Questa lima presenta una doppia funzione, da un lato una parte abrasiva a grana finissima, che serve per lisciare l’unghia eliminando eventuali irregolarità. Il secondo lato, invece, è la parte lucidante, costituita da una specie di stoffa, che serve appunto a rendere l’unghia splendente.

Dunque, i risultati si vedono eccome e lisciare le unghie permette di far durare più a lungo lo smalto, nonchè di avere un’applicazione più facile e omogenea, oltre a rendere l’unghia esteticamente bella anche al naturale.

Inoltre io l’ho usata diverse volte e non ha perso il suo potere lucidante.

L’unica pecca è che ci vuole davvero tanto. Qualche minuto per unghia e bisogna strofinare tanto e forte. Quindi non so se il beneficio vale la fatica.

In ogni caso la si trova da Kiko in offerta a 1,50€, un prezzo molto ragionevole per provarla, con incluso un pratico astuccino di plastica con chiusura scorrevole, così da poterla portare ovunque.

c.

Review Lima di Vetro

Oggi voglio parlare della lima di vetro. Da quando l’ho provata ne sono rimasta entusiasta. Ho iniziato ad usarla un annetto fa, quando me ne regalarono una, souvenir di un viaggio a Praga. L’ho da subito trovata praticissima, intanto era lunga circa 9 cm, il che le permetteva di stare alla perfezione nel mio kit da manicure che porto sempre in borsetta. Il che può sembrare un dettaglio, ma non lo è, infatti, essendo di vetro, la lima è delicata, per cui lanciarla in borsa insieme a mille altre cose sarebbe imprudente. Inoltre questa era spessa circa 2 mm, per cui riuscivo a limare perfettamente anche l’interno delle unghie. Un’altra cosa fantastica poi è che la grana della lima di vetro è molto sottile e quindi non è per niente aggressiva sulla pelle, se per caso capita di sfregarla e fa molta più presa sull’unghia. Purtroppo questa magnifica lima, cadendomi, si è spezzata a metà e dopo un paio di giorni di lutto mi sono decisa ad acquistare la versione Kiko.

Inizio dicendo che non c’è confronto con la mia vecchia lima di vetro. Quella della Kiko infatti è lunga 12 cm, ben 3 cm in più della precedente e spessa 3 mm. Questo millimetro di spessore in più non so fino a che punto la renda più robusta, in quanto, essendo di vetro, credo che cadendo si spezzerebbe comunque, ma ha un grande impatto, invece, al contatto con l’unghia, non permettendo di limarne bene i bordi interni.
La grana della superficie inoltre è più spessa e questo provoca un maggiore attrito con l’unghia e delle fastidiose vibrazioni.

Che dire, rimane comunque migliore delle lime tradizionali, quindi vale la pena acquistarla. Inoltre il prezzo è molto basso, appena 2,50€, quindi una chance se la merita tutta.

c.

Review Olio di Semi di Lino e Karitè Erboristica

Come rimedio ai miei capelli sfibrati ho comprato quest’olio ai semi di lino e karitè.

Questo olio spray offre tre diverse modalità d’impiego:

• Prima dello shampoo: applicare per 20-30 minuti come maschera ristrutturante o come impacco antiforfora, per poi procedere al normale lavaggio;

• Dopo lo shampoo: su capelli umidi applicare una piccola quantità di prodotto come districante e trattamento di bellezza per poi procedere all’asciugatura;

• Su capelli asciutti: distribuire una minima quantità di olio sulle punte per protezione e lucentezza.

Inoltre non contiene derivati petrolchimici, conservanti o coloranti e non è testato sugli animali.

Sembrerebbe dunque il prodotto perfetto, che combina tutte le caratteristiche che un olio ristrutturante dovrebbe possedere e inoltre non unge i capelli, anche se ovviamente si sentono lievemente più pesanti rispetto a quando non lo si usa.
Il problema principale però è un altro. Infatti ha un terribile odore che, anche ripetendo lo shampoo più volte, rimane. Anche il giorno dopo il lavaggio si sente questo odore strano e sgradevole.

Quindi non mi sento di consigliare questo prodotto, poichè, anche se lascia i capelli più morbidi e sani, vale la pena cercare qualcos’altro che non abbia quello spiacevole effetto collaterale.

c.

Depilazione abrasiva – Depilfarma liss

Nuova recensione, ora voglio parlare di un prodotto che ho comprato un paio di mesetti fa ma. È il Depilfarma liss, ovvero un metodo di depilazione assolutamente indolore, tramite un dischetto con una superficie abrasiva formata da cristalli finissimi.

In pratica strofinando il dischetto sulla pelle con movimenti circolari si consuma man mano il pelo e inoltre si esegue un leggero peeling che va ad eliminare le cellule morte.

Rimedio fantastico? Beh, io l’ho provato e non ne sono rimasta nè impressionata, nè soddisfatta, infatti ci vuole un sacco di tempo a consumare il pelo, anche strofinando con forza. Inoltre la microdermoabrasione mi procurava fastidio e i peli, non essendo estirpati alla radice, dopo un paio di giorni erano già ricresciuti.

Comunque, chi volesse provarlo può trovarlo in alcuni supermercati (io ad esempio l’avevo trovato in un Auchan) e il prezzo è basso (l’avevo pagato circa 7 euro) dato che la scatola contiene la manopolacon un dischetto già incollato e 4 dischetti di ricambio e promette “fino a 25 depilazioni”.

La sostituzione del dischetto abrasivo, inoltre è semplicissima, basta scollare quello precedente e applicare il nuovo.

Spero di ricevere e scambiare pareri da chi l’ha provato, dato che magari il risultato cambia col tipo di pelle e di pelo, inoltre ho letto che alcune ragazze usano questo metodo per la depilazione dei baffetti, funziona? Peggiorano ricrescendo?

Nel frattempo spero di essere stata utile.

c.

Pennelli Nail Art Kiko

Prima review!Da un po’ di tempo sono in offerta i pennelli Kiko per nail art ad un prezzo davvero conveniente: 1,50 € l’uno!

Voglio scrivere a proposito di questi pennelli, in quanto io ne ho acquistati diversi, per la precisione i numeri 400 (pennello a ventaglio), 401 (pennello per linee di precisione), 402 (pennello piegato per decori di precisione), 404 (pennello a punta corta), 405 (pennello per french manicure), 406 (dotting tool).

Io mi sto trovando molto bene con questi pennelli, soprattutto con il 402, ma la cosa fondamentale è  che li sto usando con degli utilizzi alternativi, ovvero, il n. 400 lo uso per applicare delicatamente il mascara (soprattutto quando indosso le ciglia finte o quando creo mascara colorati e quindi non ho a disposizione un vero scovolino), il n.401 e 402 sono degli ottimi pennelli da eyeliner, il 402 in particolare, con la sua forma aiuta decisamente l’applicazione e, infine, il n. 405 può essere utilizzato come pennello per labbra (ovviamente dopo ogni utilizzo vanno accuratamente puliti con prodotti appositi).
Per questi utilizzi alternativi sono ottimi e sicuramente sono un ottimo affare dati i prezzi medi dei pennelli per make up e inoltre sono tutti morbidissimi.

Quindi affrettatevi a reperirli, dato che ormai stanno finendo le scorte, nonostante io li trovi ancora in tutti i punti vendita che visito abitualmente.

c.